L’Islanda che non mi piace e quella che adoro

Tanti islandesi stanno trascorrendo le vacanze nel loro Paese, come consigliato dalle autorità. Non ho mai visto così tanti islandesi nella zona di origine della mia compagna, nel magico sud-est, regione di ghiacciai, vulcani, canyon e sconfinate pianure battute da mandrie di bellissimi cavalli. Abbiamo trascorso il fine settimana dai suoceri, e la zona era totalmente invasa da turisti islandesi. Eravamo con degli ospiti, che non avevano mai visto il celeberrimo canyon di Fjaðrárgljúfur, immortalato in serie TV, video musicali e tanto altro, e che volevano assolutamente vederlo. Arrivati sulla zona, la situazione era questa:

Una fila di auto sulla mulattiera che conduce a destinazione, con macchine parcheggiate fin sopra al pendio. La mia ragazza ricorda di quando era piccola e andava con mamma e papà a passeggiare in fondo al canyon, dove ci si poteva bagnare nel fiume… un’esperienza ormai irripetibile perché la zona è stata chiusa per proteggerne la natura. Oggi è possibile solo camminare sul ciglio del canyon, e lungo percorso tracciati. Quando sono arrivato in Islanda si poteva girare per la zona liberamente, mentre oggi il sentiero è delimitato da cordoni; ma guardate nella foto seguente le tracce lasciate dal calpestio umano: la natura non si è ripresa nemmeno dopo cinque anni, e dopo tutto questo tempo è come se la gente avesse calpestato il terreno ieri, lasciando terra battuta sulla quale muschio e erba non riescono a crescere, se non dopo decenni.

Non è nemmeno piacevole passeggiare: un’insopportabile cicaleccio da spiaggia affollata rende l’esperienza qualcosa di ben diverso da quanto uno si aspetterebbe in una terra remota come l’Islanda. A molti non dispiace, ma personalmente dalle mie escursioni in Islanda mi aspetto un’atmosfera ben diversa!

Il problema della trasformazione di certe aree del Paese a causa del turismo l’ho già toccato spesso: è un problema non risolvibile ma solo gestibile. Non si può impedire alla gente di venire quando metà del prodotto interno lordo dipende dall’introito del settore turismo, e Fjaðrárgljúfur è purtroppo diventato uno dei posti più instagrammati: la gente vuole per forza andare lì, deve raggiungere quell’anti-estetica, ma necessaria, piattaforma di metallo per scattare la foto del canyon dall’alto, la stessa foto scattata da milioni di altri. Quella qui sotto:

Il fatto, però, è che le meraviglie della natura islandese – anche se trattate sempre come tali dai turisti e dagli enti turistici – non sono come irripetibili monumenti umani. A volte si trovano molte altre alternative simili, magari un po’ nascoste e magari anche più belle, a chi trova la pazienza di mettersi a esplorare, restando più giorni nella stessa zona. Fjaðrárgljúfur ne è un ottimo esempio: ci sono moltissimi canyon anche più belli, nel sud dell’Islanda, scavati dai fiumi glaciali. Ma tutti preferiscono ammassarsi per vedere quello. Ecco un esempio:

Questo è un canyon non lontano da Fjaðrárgljúfur, e qui si può camminare sul fondo. Non c’è assolutamente mai nessuno, e ci si può anche fare il bagno!

Il fiume è a tratti profondo e impetuoso, per cui è necessario togliersi le scarpe e attraversalo a piedi nudi per spingersi più in fondo oltre i meandri, nel cuore della gola, ma l’esperienza vale assolutamente la pena! Non è quella comoda e in totale sicurezza che si fa raggiungendo mete con percorsi attrezzati e serviti, con sentieri segnati e scalini: bisogna arrampicarsi in su e in giù, sporcarsi e bagnarsi…e io dall’Islanda selvaggia voglio questo!

Acque cristalline, colori meravigliosi, uccelli, piccole grotte, spiagge pietrose, erba verdissima e muschio morbido…

Se la temperatura è adatta potete addirittura arrischiarvi a fare un tuffo! Intendo letteralmente…

Trovo sia bellissimo avere la possibilità di esplorare a fondo una parte d’Islanda in particolare e scoprire angolo sconosciuti e nascosti, dove potersi muovere liberamente e ammirare una natura incredibile senza altre presenze umane.

Se credete che il mio consiglio valga qualcosa, non rincorrere le instagrammate: elevatevi al di sopra di queste cose e plasmatevi esperienze che siano solo vostre e uniche. Magari affidatevi alle conoscenze del personale nelle strutture ricettive dove sostate, approfondite in rete, chiedete in giro…gli itinerari classici vanno benissimo ma è importante ricordare che non sono l’unica alternativa!

Parlando di esperienze uniche, al ritorno dalla nuotata abbiamo anche salvato un anatroccolo perso e ferito che veniva trascinato dalla corrente. Presolo è posatolo sulla riva continuava a inseguirci lungo la strada. Abbiamo deciso di portarlo a casa in fattoria e abbiamo chiamato lo zoo di Reykjavík per farci dare istruzioni su cosa fare, e adesso ci occuperemo di lui per un po’ mentre cerchiamo di trovargli una nuova famiglia di suoi simili.

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. Caterina ha detto:

    Leggo sempre con attenzione i tuoi articoli, ho trovato molto interessante quello dei lupini, mi stavo scervellando a capire cosa fossero. Ho girato l’Islanda in 9 giorni, ho visto quello che ho pensato fosse bello vedere senza lasciarmi condizionare da instagram o cose simili. Ho trovato ovunque pochissima gente, a volte eravamo comportamente da soli e solo ora capisco il traffico di ieri mentre guidavo per raggiungere Reykjavik. Se però posso dirti una cosa a volte sei un pochino troppo polemico quando scrivi, ti prego di non prendertela ma dovresti forse capire un po’ di più anche il punto di vista degli altri.

    1. Ciao! Mi pare di aver detto chiaramente che se uno vuole correre è un suo diritto farlo, ma che per me non è il modo migliore di vivere l’Islanda…quale punto dell’articolo ti ha urtato? A quale punto di vista che non ho capito stai pensando? E dove hai visto polemica?

  2. Amedea Campiverdi ha detto:

    Non hai torto ma i posti diventati turistici continuano ad attirare proprio perché lo sono diventati e non è fisicamente alla portata di tutti fare quelle meravigliose mete alternative che tu sei in grado di fare. Concordo con te che davanti a certi esaltanti spettacoli naturali la folla ed il cicaleccio disturbano ma non è un problema facilmente risolvibile

    Inviato da iPhone amycampiverdi @gmail.com

    >

    1. Ma infatti non ho mai detto che tutti devono fare come faccio io… 🙄
      Senza contare che i posti che oggi sono “alla portata di tutti”, lo sono perché l’afflusso costante di turisti negli anni, e magari qualche incidente, hanno giustificato la spesa per mettere in sicurezza e migliorare l’accessibilità.

  3. Capisco perfettamente quello che vuoi dire e il tuo disappunto per l’affollamento, sono cose che anche io odio, soprattutto quando si ha l’impressione che certa gente vada in posti famosi non per ammirarli, ma per dire “io ci sono stato” postando una foto su IG o FB.
    E magari no si accorgono della bellezza che c’è dietro l’angolo, perché non interessa e non è famosa…
    E tu fai bene a trovarti i tuoi paradisi nascosti 😉

  4. Giulia Fasolato ha detto:

    ciao perdonami, ma dove si trova questo secondo canyon di cui parli?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...