Antropologia Cultura Islanda Natale Personale

Þorláksmessa e Hangikjöt

Ieri era l’antivigilia di Natale, giorno in cui, nel calendario Cattolico, ricorre anche la celebrazione della Þorláksmessa, o festa di San Torlaco (italianizzato dal latino Thorlacius, che viene dall’islandese Þorlákur). Questi fu vescovo d’Islanda nel dodicesimo secolo, e gli sono attribuiti diversi miracoli, alcuni dei quali ridicoli. Fu canonizzato ufficialmente solo da Papa Giovanni Paolo II, sebbene gli islandesi, prima della riforma lo veneravano già come un santo. In teoria, non sarebbe permesso celebrare santi nei giorni prima di Natale, ed esiste un altro giorno a lui dedicato, il 20 luglio. Gli islandesi però continuano a chiamare il 23 dicembre Þorlákmessa, che celebrano non tanto in virtù del santo, essendo un Paese protestante. Il piatto forte della serata è la skata, un pesce che ricorda la razza, ma che è imparentato con gli squali. Si mangia putrefatto e poi bollito, e l’esperienza non è piacevole per tutti, così che per festeggiare in modo più consono alle sensibilità dei palati dei miei familiari, ho optato per un piatto più tipico del giorno di Natale, ma comunque non fuori luogo, visto che non tutti gli Islandesi mangiano skata: si tratta dell’hangikjöt, carne di agnello affumicata, bollita, e servita con patate, piselli, besciamella e crauti rossi. Molto semplice, ma estremamente saporito e soddisfacente. Lo si può annaffiare con una bella birra artigianale.

Sono laureato in lingue scandinave e ho una laurea magistrale in studi medievali islandesi ottenuta all’Università d’Islanda. Ora sto facendo un dottorato alla stessa università (con una ricerca sui manoscritti del tardo medioevo islandese) dove insegno o ho insegnato varie cose, come antico islandese, manoscritti islandesi o lingua e letteratura italiana. Ho lavorato anche come traduttore e ogni tanto faccio la guida per Italiani qui in Islanda. In Diana trovate una mia traduzione dei testi medievali sulla scoperta dell’America da parte dei popoli nordici dal titolo “Saghe della Vinlandia”, mentre in Iperborea ho pubblicato una traduzione di un racconto medievale islandese dal titolo “Saga di Gunnar”.

Un commento su “Þorláksmessa e Hangikjöt

  1. Buon Natale dalla Terra della Mostarda !

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: